Il progetto

Costruire nuove opportunità educative extrascolastiche per i ragazzi del quartiere di Barriera di Milano grazie alla forte sinergia fra scuola e privato sociale: questo è l’obiettivo di N.O.E.
Un progetto integrato che disegna un quartiere con al centro la comunità: dai più piccoli agli adolescenti passando attraverso scuola, famiglia e opportunità territoriali.
Un quartiere in cui il senso di appartenenza diventa motore di cambiamento positivo.
Un quartiere aperto e connesso, un luogo dove sperimentare nuovi orizzonti educativi, attivare energie e favorire partecipazione. Tutti insieme.

Un sistema di realtà interconnesse e un unico scopo

Il progetto, di durata triennale (2021-2023), ha dato il via al confronto tra i numerosi attori presenti nel quartiere (associazioni, scuole, imprese sociali, enti, istituzioni, comunità, servizi territoriali, …) con l’obiettivo di costituire una comunità educante coesa e interconnessa. Un confronto in cui ciascuna di queste realtà ha un ruolo paritario e che sta portando alla creazione di un Patto educativo con la Fondazione Compagnia di San Paolo, la Città di Torino – Assessorati alle Politiche educative, alle Politiche sociali, alle Politiche giovanili – la Circoscrizione VI e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte. N.O.E. integra, coordina e mette a sistema più di 33 soggetti del territorio che si impegnano a costruire un percorso educativo territoriale di lunga durata rivolto all’intera comunità.

Rafforzare la comunità educante

Una città ideale è fatta di fili robusti che tengono insieme comunità coese e responsabili, dove i cittadini si muovono sapendo di incontrare spazi accoglienti e a loro misura, dove la partecipazione è concreta e non solo immaginata.
N.O.E. mette al centro bambine, bambini, ragazze, ragazzi e famiglie e li connette con le risorse educative del territorio, dalle scuole alle associazioni. La comunità che educa si fa educante costruendo spazi permeabili, aperti e fruibili, nei quali progettare percorsi continuativi e stabili nel tempo, ma anche rimodulabili con i mutamenti del quartiere e della società. Una comunità partecipata che lavora in sinergia per costruire senso di appartenenza e una città migliore, a misura d’uomo.

Costruire ponti e non muri

N.O.E. si impegna a creare nuovi spazi di partecipazione e di co-progettazione per creare con i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze, e le famiglie, occasioni di confronto e di condivisione al fine di stimolare la partecipazione e produrre un cambiamento verso una comunità nella quale tutti siano ascoltati e in ascolto reciproco.
L’intento è di mantenere un focus sulla dimensione interculturale degli interventi, modificando le esperienze di segregazione e di separazione tra le varie culture, promuovendo invece inclusione e coesione sociale, per costruire ponti e non muri all’interno di una Comunità territoriale inclusiva.